Politica estera. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Politica estera’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Politica estera. Puoi navigare con un click su ogni titolo

La violenza raggiunge siriana in Libano

Come molti temevano, l’onda d’urto della violenza in Siria inizia a diffondersi al vicino Libano. Un nuovo gruppo armato sciita chiamato Mukhtar Thaqfi ha rivendicato in un video il sequestro di alcuni oppositori siriani sunniti turchi e dieci di Bashar al-Assad a Beirut e valle della Bekaa. Nel messaggio, consegnato dalla televisione LBC, invita la Siria gratuito Army (SLA) per sbloccare il Meqdad Hassan, un membro di un clan potente presumibilmente rapito dai ribelli sciiti libanesi in Siria, aggiungendo che se non estendere la loro attività altre aree libanesi. Libano, un paese con una struttura delicata confessionale, ha subito una guerra civile da decenni. Per mesi, ci sono stati argomenti, combatte anche tra sostenitori e oppositori di Bashar Assad. Gli scontri tra sciiti, sunniti, cristiani, drusi, che hanno segnato la storia del Libano, può ri-esplodere in qualsiasi momento, sparato da oltre confine. Mercoledì scorso ci furono tumulti che hanno incluso sequestro di persona, saccheggiando negozi siriani e tagliando la strada aeroporto di Beirut, ed è venuto ancora una volta di risvegliare i peggiori timori della società libanese. L’incidente, uno dei più gravi dall’inizio della guerra civile in Siria, rivela la presenza di combattenti libanesi sciiti in territorio siriano per supportare file di Bashar Assad, mentre esacerbare lo scontro tra i due rami fede islamica, lo sciita-professi presidente siriano-Alawi, e il sunnita, che detiene la stragrande maggioranza dei combattenti SLA.

Finora l’opposizione siriana ha negato che la guerra civile condotta per un anno e mezzo in Siria hanno accusato coloranti regime settario e si vuole alimentare la fiamma di odio religioso. Il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, si è affrettato a recarsi a Beirut ieri per assicurare che la Francia è pienamente impegnata a difendere la sovranità del Libano, alla luce delle circostanze, mentre paesi come la degustazione, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita , sostenendo apertamente i ribelli siriani, hanno chiesto ai loro cittadini di lasciare il paese immediatamente, dove nella notte di Mercoledì diversi uomini incappucciati tagliato la strada di accesso per l’aeroporto Rafic Hariri International con barricate nella zona sciita di Beirut come rappresaglia per un altro incidente, che si è rivelata falsa: la morte in una raffica di tre dei rapiti 11 sciita libanese pellegrini Azaz nel nord della Siria. Milizia sciita libanese Hezbollah non ho parlato finora sul rapimento, ma sono coinvolti nel conflitto, come importanti alleati della Siria Bashar al-Assad, che è affascinato dal suo leader, Hasan Nasrallah. Secondo la testimonianza di esponenti di spicco della SLA in provincia di Homs (Siria), i loro combattenti esperti e temuto hanno fatto incursioni in Siria dall’inizio della rivoluzione per eliminare i ribelli, che sono riusciti a uccidere e rubare delle armi. Il Libano è il suono del Medio Oriente e hanno una fragilità politica e sociale che fa temere una nuova esplosione di violenza settaria che ha devastato questo paese in passato, e può diffondersi in tutta la regione. Il piano geostrategico complessa dell’Iran, che mira ad essere leader regionale, è quello di mantenere al potere Assad, come il suo alleato della Siria, sciiti e il governo iraniano, senza il quale la terra si perde la connessione con colleghi amici sciite libanesi di Hezbollah , che il controllo de facto della politica libanese ei servizi di sicurezza. Il blocco formato da Iran, Siria e Hezbollah in Libano costituisce una seria minaccia per il potere sunnita con cui sono confrontati, rappresentata dall’Arabia Saudita e Degustazione, alleati degli Stati Uniti, sostenendo attivamente la rivoluzione siriana.

La diplomazia al servizio dell’economia

Con la fiducia nell’economia spagnola a brandelli e il premio per il rischio a livelli stratosferici, il lancio del “marchio di Spagna” è stato il grande progetto del Ministro degli Affari Esteri, José Manuel García-Margallo . La diplomazia è al servizio dell’economia, con un imprenditore (Carlos Espinosa de los Monteros) davanti del funzionamento del mercato e il re come primo agente commerciale delle aziende spagnole (nel Golfo Persico, America Latina e Russia ) nonostante la sua immagine offuscata dal dell’incidente ha subito nel corso di una visita privata al Botswana. I tagli sono stati vaccinati con aiuti allo sviluppo, che è caduta a livelli prima della fase di Zapatero, mentre la crescente insicurezza nel Sahel era Margallo per decidere il rimpatrio degli aiuti spagnoli a Tindouf, dopo la liberazione, prima riscatto di Enric Fernandez e Gonyalons Ainhoa . Ma anche in crisi la politica estera è stata capace di dimenticare i suoi demoni familiari: Gibilterra , con il conflitto tra pescatori locali e le autorità della Rocca, e Cuba, con il bizzarro incidente che comportano un giovane leader del PP, Angelo Carromero , alla guida dell’auto che ha ucciso il dissidente Oswaldo Paya. Il gran giorno di Fatima Banez come ministro per l’Occupazione arrivò per ultimo il 10 febbraio quando il Consiglio dei ministri ha approvato la riforma del lavoro , l’unico motivo per cui Mariano Rajoy ha avuto la faccia di ieri ha fatto il punto del suo primo semestre regola . Lo ha fatto nonostante il fatto che non ha smesso di posti di lavoro (anche questa recessione, come altri, sta facendo sentire alta sui posti di lavoro) o contratti permanenti che rimangono sotto il minimo (solo il 6,7% degli accordi sottoscritti nel mese di luglio).

Quel giorno Banez ha detto ai leader sindacali e datori di lavoro diversi dettagli della riforma per telefono, in una breve conversazione. Fino ad allora avevo dato loro molte informazioni, e da allora basta passare i contatti di consultazioni tecniche e colloqui formali. Il governo ha optato per il dialogo sociale come strumento per ottenere il sostegno e che può essere visto nei capitoli come questo. Dal 10 febbraio e fino a quando ha ottenuto il decreto dei tagli nella protezione contro la disoccupazione e la riduzione dei contributi sociali, il capo dipartimento ha Banez miglio in più e lei ha solo preso il centro della scena per eventi quali l’uso di il tuo indirizzo email per filtrare i dati sensibili a un giornale il record del regolamento per l’occupazione presentato dal PSOE, il suo avversario politico. Il Ministero della Difesa ha appena scaldato i motori durante i primi sette mesi del termine. Rajoy il Martedì firmato la direttiva difesa nazionale 1/2012 , il documento che segna le linee della sua politica di difesa. Alcune settimane prima, il nuovo capo del personale della Difesa, ammiraglio Francisco Garcia Sanchez, aveva presentato al ministro della Difesa Peter Morenes, il progetto Vision 2025, che propone una riduzione di 20.000 persone (15.000 militari e 5.000 civili) nei prossimi 13 anni. Il rinnovamento della leadership militare è stata completata il 27 luglio con la nomina dei nuovi vertici della Marina Militare dell’Esercito (Jaime Buj Dominguez), (Jaime Muñoz-Delgado) e l’Air Force (Francisco Javier Garcia- Arnaiz).

Germania, cambia il senso fino all’asta e gli interessi (3°parte)

La pressione tedesca per il governo di ricorrere al Fondo europeo di Rajoy aveva una testa il Mercoledì, quando il Ministero delle Finanze era favorevole germanica che l’intervento è limitato al settore finanziario. Questo intervento “soft”, concesso, è soggetto a norme speciali per i salvataggi delle banche e, quindi, hanno una profondità inferiore rispetto ai programmi in Grecia, Irlanda e Portogallo. Venerdì scorso, diverse agenzie internazionali citato fonti europee per annunciare la chiamata in conferenza tenuta da parte dell’Eurogruppo. L’agenzia britannica Reuters fatto riferimento ad una fonte “del governo tedesco”, che ufficialmente è rimasto cauto durante i due giorni. Ieri, il ministro Wolfgang Schäuble fugato ogni dubbio su chi ha contribuito alle pressioni: “Abbiamo invitato la Spagna a prendere decisioni”, dice Juan Gomez. Il nervosismo nelle grandi città si spiega con la vicinanza delle elezioni greche , in cui la possibile vittoria della piattaforma di sinistra Syriza potrebbe portare alla soppressione dei programmi di austerità, e con loro, i pagamenti per le prossime fasi del salvataggio Atene. In questo caso, potrebbe precipitare gli eventi. Nemmeno una frattura dell’euro può essere scartato. In queste condizioni, lo spread potrebbe travolgere altri paesi come Spagna e Italia.

Da qui l’urgenza per la Spagna per sostenere le sue banche europee con denaro pubblico. La richiesta di riscatto è stata la solita cerimonia della confusione è a dire che Bruxelles è la Spagna che ha chiesto, e Madrid dice che è l’UE che ha il denaro disponibile. In ogni caso, il semplice annuncio di questa linea di credito di 100.000 milioni di euro, che dà ampio margine di manovra soddisfare le esigenze di circa 40.000 milioni di euro per il concessionario, secondo la prima stima del Fondo monetario internazionale può dare una boccata d’aria al governo un paio di settimane complicato, secondo fonti finanziarie. L’effetto delle elezioni greche saranno aggiunti nel giro di pochi giorni le future valutazioni del sistema bancario. “La Spagna deve avere un controllo pronto come queste cifre sono note”, hanno detto fonti diplomatiche. L’esecutivo resterà giorni difficili davanti, che dovrebbe convincere i mercati e dei cittadini che l’accordo è buono come venduto ieri il ministro dell’Economia. Cercato di sottolineare Guindos da attivo e passivo deciso dall’Eurogruppo non è un salvataggio, ma un “agevolato” prestito che hanno effetti positivi sull’economia, perché le banche rafforzare e rilanciare i prestiti alle imprese e famiglie. Ha predetto che sarà un balsamo per i mercati. E giustificato l’assenza di Rajoy: “Io sono il membro dell’Eurogruppo, il primo ministro non lo è.” Ma non è riuscito a dissipare i dubbi circa le conseguenze di tale decisione fondamentale per il futuro della Spagna. Il salvataggio spagnolo è diverso, ma tre esperienze simili europei non sono esattamente un successo. Paesi in cerca di assistenza internazionale in generale tendono a non voler ripetere l’esperienza: per i governanti, fit test di interferenza è generalmente pagato con la perdita delle elezioni, anche con una rimozione duratura di potere al popolo, il costo viene misurata in posti di lavoro persi in mancati introiti, in recessione lunga e dolorosa. Alcune conseguenze del salvataggio, infine, comporterà profondi cambiamenti, alcuni dei quali sono ancora nel buio. Il dirigente, per ora, si rifiuta di anticipare questi problemi. “Se la società non subirà le conseguenze del piano di salvataggio, come il governo sostiene, perché non è stato richiesto prima che gli aiuti?” Snapped Guindos un giornalista nel suo aspetto. “Non si gioca ora chiedere,” ha chiuso il ministro.

Germania, cambia il senso fino all’asta e gli interessi

Germania oggi ha messo i titoli di debito a dieci anni di valore di euro 4.042.000 ad un tasso di interesse del 1,52%, leggermente al di sopra del 1,47% della precedente asta il 16 maggio, che rappresenta un cambiamento di andamento delle ultime aste. Le richieste concorrenti anche a malapena coperto gli obiettivi massimi di 5.000 milioni di euro. Inoltre, il governo ha deciso di modificare il suo piano di emettere quest’anno per ridurre aste del debito nel lungo periodo, passando da un obiettivo massimo di 260.000 milioni a 257.000 milioni, e l’aumento di lettere. Questo spiega il Ministero delle Finanze, pagherà la sua quota del recsate fondo. Questo indicatore è considerato il miglior barometro della fiducia degli investitori nelle finanze di un paese, equivalente a quello del premio richiesto suoi 10 anni di obbligazioni, che hanno ancora una volta superato il 6%, rispetto ai tedeschi. A questo proposito, l’Italia era riuscita a mettere dietro la Spagna nel molestie dei mercati negli ultimi mesi. In realtà, il loro premio di rischio è tornato al di sotto del marzo spagnolo, che ha restituito alle posizioni precedenti al sorpasso agosto. Debito pubblico italiano di 1,9 miliardi di euro, pari al 120% del prodotto interno lordo (PIL), il rapporto secondo più alto dopo la Grecia. Giovedi ‘, il Tesoro dovrà affrontare trans ancora più difficile quando si va al mercato a vendere fino a 4.500 milioni di euro in obbligazioni con scadenze più lunghe. Ci saranno ancora più vicini e di sorveglianza periodica. arriveranno da uomini neri . The Great Recession , la più profonda crisi del capitalismo e ampliato negli ultimi decenni, si lasciano tracce profonde nella sua scia dalla Spagna, che divenne l’ultima frontiera della crisi esistenziale dell’euro. Grecia cadde. Irlanda e Portogallo è caduto. E rallentatore effettuata da una banca che ha finanziato la madre di tutte le bolle, cadendo Spagna: governo di Mariano Rajoy, il presidente scomparso ieri , ha espresso la sua volontà di chiedere tante volte rifiutato di salvataggio di partner europei per scherma nel sistema incontrollabile buco finanziario.

Madrid riceverà fino a 100.000 milioni di euro , il 10% della ricchezza prodotta dalla Spagna in un anno, in una linea di credito per le banche solo. L’esecutivo e capitola prima che la forte pressione internazionale, temendo che le banche spagnole, greche o politica di panico nei mercati esplodere una spirale di corsa agli sportelli e le impostazioni predefinite di paesi risultano in una depressione causata da un crollo finanziario. L’Europa cerca di mettere una diga in Spagna. Il mercato risponderà al più presto domani. No pranzo libero: gli aiuti europei (attraverso il fondo di salvataggio temporaneo o permanente) sono in realtà i prestiti per ricapitalizzare il sistema finanziario , che il Tesoro deve tornare a tocateja religiosamente. Anche in questo caso, lo Stato viene in soccorso della banca. Naturalmente, si tratta prestiti a tasso agevolato, in forma molto migliore rispetto al mercato: circa il 3%, secondo fonti vicine ai negoziati tra la Spagna ei suoi partner europei.

Il premio di rischio scende a 512 dopo aver riportato il suo più grande calo dal dicembre (2°parte)

Vari media britannici hanno fatto eco a questa possibilità, anche se il portavoce economico della CE, Amadeu Altafaj, ha detto oggi che «non c’erano trattative su questo.” Il comunicato del G-20 non contiene alcuna dichiarazione espressa in tal senso, ma riflette l’impegno di adottare “tutte le misure necessarie per garantire l’integrità e la stabilità della zona, migliorare il funzionamento dei mercati finanziari e rompere il circuito di feedback tra debito sovrano e le banche “. L’ultima riunione del G-20 ha lasciato dietro un groviglio di dichiarazioni e smentite confondono sul salvataggio europeo (100.000 milioni di euro) per le banche spagnole, che dimostrano alcun progresso, ancora, condizioni di credito o che cosa sfondo -il temporaneo Fondo europeo per la stabilità finanziaria (EFSF) o il meccanismo permanente europeo di stabilità (MEDE) – supporto per il canale.

Sembra chiaro, tuttavia, che conta come debito pubblico, anche se il G-20 riconoscono, e questo è inclusa nel suo comunicato finale, che è necessario per spezzare il legame pernicioso tra debito sovrano e bancario. Per quanto riguarda gli importi esatti che specificano le entità, il governo spagnolo potrebbe forse fare un passo dopo aver appreso l’esito della sopportazione domani che ha effettuato la società di consulenza Roland Berger e Oliver Wyman per l’intero settore. Sono costituiti da partecipazioni determina sarebbe necessario per affrontare le situazioni di estremo degrado delle condizioni economiche e servono a misurare la solvibilità delle istituzioni. Il mercato spagnolo del debito sovrano anche affrontare un altro importante test di domani, che il Tesoro ha in programma di emettere obbligazioni ad anni due, tre e cinque. Il mercato dei titoli di Stato ha accolto con ottimismo (e quindi la riduzione del premio per il rischio), la speculazione sulla possibilità che il meccanismo europeo di stabilità (MEDE), Fondo europeo per i paesi in difficoltà finanziarie per entrare in vigore il 1 ° luglio l’acquisto direttamente dal debito spagnolo e italiano per fermare l’escalation dei tassi di interesse sul mercato secondario. Come riportato da Bloomberg, il presidente francese, François Hollande, ha detto ieri che si trattava di un’idea presentata dal primo ministro italiano, Mario Monti, durante le riunioni del G-20. Secondo Hollande, questa possibilità sarà discusso nella riunione che si terrà Venerdì prossimo a Roma con Mariano Rajoy, Monti, e il cancelliere tedesco Angela Merkel, per preparare il vertice europeo si terrà il 28 e il 29 di questo mese, e che si prevede misure concrete per risolvere la crisi del debito in Europa.Oggi, l’attenzione è rivolta la dichiarazione da rilasciare da parte della Federal Reserve, che aggiornerà le sue stime di disoccupazione e di inflazione, pur confermando l’intenzione della Banca centrale statunitense di mantenere il tasso sui fondi federali (il riferimento negli Stati Uniti ) vicine allo zero. Nel mese di gennaio questo impegno è stato esteso da metà 2013 fino alla fine 2014. Dal dicembre 2008, il prezzo ufficiale del denaro negli Stati Uniti è mantenuta tra 0% e lo 0,25%. Ma che cosa è che i mercati si attendono che l’istituto di testa Ben Bernanke ha annunciato una proroga di allungamento delle scadenze, che ha lanciato lo scorso settembre ad abbassare i tassi di interesse a lungo termine, noti come Operation Twist. Tale misura, che scade questo mese, ha coinvolto la vendita di titoli di Stato a breve termine pari a 400.000 milioni di dollari e l’uso che il reddito per l’acquisto di titoli a lungo termine.

Il premio di rischio scende a 512 dopo aver riportato il suo più grande calo dal dicembre

I mercati credono che l’inizio della fine della crisi potrebbe essere più vicini e si sono conclusi con moderati aumenti dei prezzi delle azioni in tutto il mondo e la pressione rilasciando sul debito sovrano di Spagna e Italia. La riunione del G-20 a Los Cabos (Messico) ha chiuso ieri con un impegno a contenere i “costi di finanziamento” del debito e con una proposta, non ufficialmente lanciata dal primo ministro italiano, Mario Monti, i loro omologhi europei per i fondi di salvataggio europei sul mercato acquistando titoli di debito dei paesi sotto pressione. L’atmosfera di distensione è stata esacerbata oggi con l’aspettativa che la Federal Reserve ha annunciato oggi, a seguito della riunione di due giorni del comitato di condurre la politica monetaria negli Stati Uniti, nuove misure per stimolare il credito. Il mercato azionario spagnolo è rimasto praticamente l’intera giornata leggermente sopra la precedente chiusura e alla chiusura, il Dow segnato 6,796.1 punti, con un incremento del 1,53%. Tutti i mercati europei sono, e sono convinti che l’allentamento monetario da parte della Federal Reserve sarà seguita dalla Banca centrale europea (BCE). Londra ha guadagnato lo 0,64%, 0,28% Parigi, Francoforte e Milano 0,45% 2,13%. Il premio per il rischio, il rendimento in eccesso che gli investitori richiedono a 10 anni di legame spagnolo sul suo equivalente tedesco, completato da 512 punti base (5.12 punti percentuali) dopo aver toccato un minimo di 510, il suo più grande declino (39 punti di base) dallo scorso 5 dicembre, giorni prima la BCE avrebbe condotto la prima delle due megainyecciones di liquidità nella zona euro.


La seconda operazione di finanziamento di questo tipo ( operazione di rifinanziamento a lungo termine , ORLT) si è svolta nel mese di febbraio e pari a due miliardi di euro in prestiti a tre anni ad un interesse dell’1%. Il rendimento che gli investitori richiedono sul mercato secondario per lo spagnolo del debito pubblico a 10 anni è sceso dal 7%, che corrisponde a una classe singola attività adatto per gli investitori disposti a prendere un elevato livello di rischio (di insolvenza in questo caso). Alla fine della giornata pari a 6,747%. L’euro ha toccato 1,2724 dollari, dopo aver terminato ieri a 1,2685, ma alla fine della giornata si attesta a 1,2696 europea. Il mercato dei titoli di Stato ha accolto con ottimismo (e quindi la riduzione del premio per il rischio), la speculazione sulla possibilità che il meccanismo europeo di stabilità (MEDE), Fondo europeo per i paesi in difficoltà finanziarie per entrare in vigore il 1 ° luglio l’acquisto direttamente dal debito spagnolo e italiano per fermare l’escalation dei tassi di interesse sul mercato secondario. Come riportato da Bloomberg, il presidente francese, François Hollande, ha detto ieri che si trattava di un’idea presentata dal primo ministro italiano, Mario Monti, durante le riunioni del G-20. Secondo Hollande, questa possibilità sarà discusso nella riunione che si terrà Venerdì prossimo a Roma con Mariano Rajoy, Monti, e il cancelliere tedesco Angela Merkel, per preparare il vertice europeo si terrà il 28 e il 29 di questo mese, e che si prevede misure concrete per risolvere la crisi del debito in Europa.

Il debito della Spagna è già più vicina a quella dell’Irlanda salvato da Italia

La crisi del debito nella zona euro è passata attraverso varie fasi oltre due anni e mezzo di esistenza. Costante, tuttavia, un fattore è rimasta è stata quella sospetto è stato sempre gli stessi paesi, i più arretrati della classe: la Grecia salvò, Irlanda e Portogallo, la Spagna, che ha la sua propria forma di aiuti esteri, e in Italia, che, anche se ha fatto importanti concessioni finora è sfuggito alla stessa sorte. Tuttavia, in questa gara, in cui i partner nei mercati euro individuati dagli squilibri del suo elevato debito e deficit non hanno lasciato il gruppo retro della confezione, la Spagna è ora più vicino in Irlanda che in Italia. Il forte rimbalzo registrato dal premio di rischio spagnola dopo la decisione del governo di chiedere l’aiuto europeo per le banche, la salita è stata ripresa il Lunedi per impostare nuovo massimo a 589 punti base, la distanza tra la Spagna e l’Italia è venuto per essere esteso a 118 punti. Poiché la Spagna ha superato marzo in Italia per quanto riguarda la mancanza di fiducia degli investitori, che in sostanza è quello che misura il premio per il rischio, la differenza tra i due paesi non è mai stata così ampia da oggi. Il premio per il rischio paese o l’Italia ha segnato il livello più alto in 477 punti al giorno. Guardando al lato opposto, i partner dell’euro che sono peggio di Spagna, dove si trovano a soli tre paesi e salvato, il prossimo in classifica in termini di premio al rischio è l’Irlanda, che dista solo 93 punti di distanza . Premio per il rischio, per ogni paese viene calcolato attraverso il premio richiesto ai suoi 10 anni di obbligazioni negoziate sul mercato secondario rispetto al riferimento tedesco per la sua stabilità, è arrivato il Lunedi a 682 punti.

Insieme al cambio di voti in premi al rischio, il ritorno a spostare i titoli dei paesi sospetti sul mercato secondario, in cui titoli sono negoziati del debito sovrano, una volta emesso, impostare anche le tappe per la crisi. Così, se il tasso di interesse al quale vengono acquistati titoli spagnoli a 10 anni è venuto per la prima volta da quando l’euro è stato introdotto (1999) a superare il 7,2% dai dubbi crescenti circa il paese, il tipo di titoli italiani Nello stesso periodo si attesta a 6,15%.

La distanza tra di loro per la prima volta superato i 100 punti base, pari ad un punto percentuale, a 107. Sul lato opposto, i rendimenti dei titoli irlandesi a 10 anni era solo 104 punti base (1,04 punti percentuali) dal momento che è stato spostato durante il giorno circa 8,20%. In questo senso, è degno di nota che l’Irlanda è l’unico paese nel salvò il cui debito si è deteriorata difficile dopo aver battuto le ginocchia e attivare il salvataggio dei suoi partner europei. A quel tempo, novembre 2011 , suo cugino era a 662 punti base e le sue obbligazioni sono state negoziate sul mercato secondario, con un tasso di interesse del 8,89%, più di quanto hanno citato oggi. Perché sta facendo i compiti, come evidenziato dalla troika, l’organismo internazionale che comprende l’UE, la BCE e il FMI che è responsabile di monitorare l’attuazione delle riforme, che è venuto in soccorso, le autorità europee avrebbero disposti a piegare il termine per la restituzione degli aiuti, secondo i media irlandesi segnalati. In questo modo, avrebbe potuto spendere dai 15 ai 30 anni.

Trova le migliori offerte bancarie. Informati, leggi, confronta e scegli quella più conveniente.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia