Uncategorized. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Uncategorized’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Uncategorized. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Il matrimonio gay è costituzionale in Spagna

La legge approvata nel 2005 dal governo socialista di José Luis Rodríguez Zapatero che consente il matrimonio gay è pienamente costituzionale, ha risolto questo pomeriggio la seduta plenaria, convocata per risolvere il ricorso contro questa norma che ha introdotto sette anni fa il PP Mariano Rajoy. La decisione è stata adottata da otto giudici (sette progressista e conservatore, Francisco Perez de los Cobos) contro tre, tutti eletti su proposta del PP, che hanno emesso un dissenso. Così, la maggioranza assoluta del tutto, composta da 11 dei 12 giudici che compongono la Corte Costituzionale ha confermato la regola. Francisco Hernando, eletto su proposta del PP, si è astenuto dall’intervenire a prendere decisioni a questa legge nella sua precedente posizione di presidente del Consiglio Generale del Potere Giudiziario. La sentenza rafforza e scudi uno legge che finora più di 22.000 coppie si sposano. Dodici paesi del mondo hanno riconosciuto questo diritto, la Spagna è stato uno dei primi a riprendere la sua legislazione di base. Molti leader del Partito Popolare ieri hanno espresso la loro soddisfazione nel sapere che la Corte costituzionale ha garantito la legge che consente il matrimonio gay. Solo cinque anni fa, il PP silurato la legge e ha fatto appello per il fatto che rappresenta una chiara violazione della Costituzione.

Il sindaco di Vitoria, Javier Maroto popolare, ha elogiato la frase prima di incontrare: “Finalmente la legge sarà normale e ciò che è normale in strada e anche con tutte le garanzie.” Il PSOE, fautore di una riforma legale che ha permesso il matrimonio gay, ha chiesto ieri il PP di chiedere scusa per “le cose che hai detto nel tuo giorno quando si rivolse al costituzionale”. Il portavoce socialista al Congresso, Soraya Rodríguez Rajoy espressamente gli ha chiesto di scusarsi “per aver presentato e non ha ritirato in sette anni.” Sinistra Unita capito che la sentenza della Costituzionale coinvolgere uno dei rimproveri più importante ricevere il PP: “Questa sentenza dimostra che il ministro non avrà Gallardón facile la sua offensiva antidemocratica contro i diritti e le libertà dei cittadini. Il PP avrebbe potuto prendere che l’azione e hanno salvato l’imbarazzo di dover ascoltare e leggere la frase. ” Molto prima che è stato ministro della Giustizia, Alberto Ruiz-Gallardón era a favore del mantenimento della legge che consente il matrimonio gay se il costituzionale garantito, anche se il PP con una maggioranza ridotta potrebbe cambiare. In realtà è stato uno dei primi sindaci che hanno sposato gay e creduto, e come ministro della Giustizia, che la legge il matrimonio gay era costituzionale. L’attuale primo ministro, Mariano Rajoy, preferendo una legge “, come in Germania, Francia e Regno Unito”, che non consentono il matrimonio gay, che eviterebbe “guai e anche in tutto il mondo avrebbe accettato.” Ora, il governo ha suggerito che non mancherà di tenere la legge così com’è, dopo la garanzia concessa dalla Corte Costituzionale pieno. Il Partito Popolare, attraverso il ministro della Giustizia, Alberto Ruiz-Gallardón, ha lasciato intendere che, pur avendo presentato ricorso sulla base del fatto che la legge è incostituzionale non cambiare adesso, pur avendo la maggioranza assoluta al Congresso di farlo. Il partito al potere in Spagna e accettare una situazione che ha beneficiato molti membri e sostenitori del PP e che ha causato alcuni capi significativi di questa censura politica in pubblico che il suo ricorso di incostituzionalità.

Il governo italiano ha sciolto la città di Reggio Calabria

La ndrangheta dominato tutto nella città di Reggio Calabria (186.000 abitanti, l’Italia meridionale). Aziende municipalizzate, degli appalti pubblici di lavori, il servizio di raccolta dei rifiuti, lo studio legale e anche, in un giro surreale, le attività di gestione che la Giustizia aveva sequestrati stessa mafia calabrese. Così il Martedì, in una decisione storica, il governo di Mario Monti ha deciso di sciogliere il consiglio del capoluogo di provincia e di nominare un manager. E ‘stato solo l’inizio di un’azione coordinata. All’alba Mercoledì, la Squadra mobile della polizia e la detenzione di Bruno Carabinieri di Caria, direttore della società di raccolta dei rifiuti la maggioranza-di-città, il capo mafioso Giovanni Fontana e quattro figli, tutto il potente clan legato di Condello. Due donne sono stati arrestati per aver agito candidati. La relazione ha spinto il governo ad adottare una misura così drastica ha 250 pagine. Dopo la revisione non so se è davvero la città di Reggio Calabria è stata infiltrata dalla ‘ndrangheta o era semplicemente un braccio di attività mob. Tre dei cinque punti della relazione richiamato l’attenzione sulla mancanza di controlli comunali destinati a prevenire le infiltrazioni della ndrangheta, riflettere il fatto che negli ultimi due anni, gran parte del lavoro è stata affidata a società pubbliche e rendere sospetti sottolineato che la joint venture, come ad esempio la raccolta dei rifiuti, sono minati dalla mafia.

Il Comune di studio Reggio Calabria non ha diritto, ma ha preferito esternalizzare questi servizi e consegnarli agli avvocati vicino alle Capos mafiosi. Essendo molto serio questi tre punti, gli altri due sono ancora più significativi per l’audacia con cui le autorità municipali avevano violazione di doveri per conto della ‘ndrangheta, forse in questo momento il gruppo mafioso più potente d’Italia, al di sopra della camorra o la mafia siciliana. La ricerca rivela che la città di Reggio Calabria non ha avuto proprio studio legale, preferendo di esternalizzare questi servizi e consegnarli agli avvocati vicini ai Capos mafiosi. La ‘ndrangheta, come dimostrano le registrazioni dei Carabinieri, ed ha avuto il tempo sufficiente per avere radici profonde nel nord Italia. La mafia non è più solo una questione del sud.Ma ciò che fece traboccare il vaso è che la gestione dei beni sequestrati dalla giustizia ndrangheta era nelle mani di uomini di paglia degli stessi criminali … Lo scioglimento del consiglio è stata annunciata dal ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, che è stato schietto: “E ‘una decisione che abbiamo preso con molta sofferenza. Ma il governo dovrà restituire il paese alla legalità. Siamo convinti, e immagino che i cittadini, per aiutare le regioni a impegnarsi per il valore della legge, perché nessuna legge, nessuno sviluppo “. Il lavoro non sarà facile. In coincidenza nel tempo con l’operazione a Reggio Calabria, i carabinieri arrestato Domenico Zambetti, consigliere della regione Lombardia, convenuta al pagamento di 200.000 euro in cambio Ndrangheta 4.000 voti che garantiranno la sua elezione. La divisione è chiara, 50 euro a voto, e il partito di appartenenza: Popolo della Libertà (Pdl) di Silvio Berlusconi.

La reazione turca è una benedizione (2°parte)

Il gruppo dice che 24 soldati sono stati uccisi dal fuoco dell’artiglieria turca Assad e le truppe, che assediavano Tal Abyad, ha ritirato il Giovedi e ora sono circa 15 km, che ha lasciato a ELS in totale controllo questa città di confine. “La verità è che in questo momento non abbiamo un piano”, dice Faris. La maggior parte dei 4.000 abitanti di Abyad Tal si sono rifugiati da parte della Turchia e il villaggio ha un aspetto spettrale. Strade vuote piene di macerie, facciate completamente attraversato da fori da arma da fuoco qua e là enormi buchi nelle pareti e l’edificio fatiscente occasionali, solo i gruppi delle milizie SLA che alzano le braccia e fucili nella vittoria. Nel centro, in una grande piazza, un monumento di strisce strappate impiccagione. “E ‘stato il ritratto di Assad,” uno dei ribelli. In un altro luogo, è ora la bandiera sventola verde e bianca con tre neri ELS stelle.

I ribelli di guida in un furgone alla periferia di Tal Abyad sud-ovest e passare sotto un cartello che dice: “. Aleppo, 225 miglia” Circa sei chilometri fuori città si fermano sul ciglio della strada. “La Asad, molto pericoloso, molto pericoloso”, dice l’autista in lingua inglese e che punta in avanti. Le truppe governative sono circa 10 km da questo punto, secondo i ribelli. “La Turchia è molto buono con noi perché ci aiutano ogni giorno. Alcuni usura uniforme militare o parte di esso e la maggior parte scarpe sandali. Le uniche armi in vista sono alcuni fucili vecchi e AK-47. Molti dei soldati sono adolescenti. “Non ci aspettavamo la reazione turca, ma è stata una benedizione”, dice il leader del gruppo, Mahmoud El Faris. Grande, con la barba brizzolati e mantenuto, Faris dice di non avere passato militare, ha lavorato nel settore delle costruzioni in Abyad Tal fino a quando non si unì ai ELS, e vanta con orgoglio che suo figlio di 16 anni sta lottando con lui. Dacci cibo e acqua e lasciare le loro case per i nostri figli e per noi”, dice Abdullah al Roumi Smiley, 19 anni, membro della ELS e vestita in uniforme militare , di nuovo vicino al confine. Al Roumi ha detto che era uno studente di Telecomunicazioni presso l’Università di Aleppo due mesi fa e ha deciso di unirsi ai ELS. “Assad ci stava uccidendo ogni giorno, in collegio, in ogni scuola, tagliato elettricità, acqua, senza cibo,” dice lentamente in inglese.Il conflitto siriano è particolarmente ensañando Aleppo e si è diffuso ad altre parti del paese, raggiungendo il confine con la Turchia in posti come questo. Da un lato, Abyad Tal, vuota e spettrale e distrutta dai proiettili e bombe. D’altra parte, Akcakale, cercando di tornare alla normalità dopo la visita della guerra questa settimana e ricorda: una casa distrutta e due donne e tre femmine morti. Al confine, gli abitanti di Tal Abyad ha ringraziato l’artiglieria turca espellere le truppe governative, mentre nel look Akcakale con apprensione al suo vicino meridionale e solo sperare che la guerra non tornerà a casa tua.

La reazione turca è una benedizione

“Ho visto tre soldati [Bashar] Assad ucciso dalla Turchia e il resto è andato. Sono grato alla Turchia “, dice, stanco ma sorridente, un uomo di Tal Abyad, il popolo siriano a questo punto lungo la frontiera. Due uomini Akcakale, località turca di fronte, scuotono la testa. Sembrano Abyad Tal, a soli 200 metri attraversati da tre recinti rotti ora, e dicono che sono preoccupati, non sanno che cosa accadrà ora che la Turchia ha attaccato la Siria. Con loro, succede un flusso costante di persone da parte siriana di portare i loro averi per Akcakale o di tornare al loro villaggio dopo i loro acquisti per la parte turca. “Me ne vado perché cadevano le bombe”, dice in arabo Yamam, 34 anni, che appena entrato Akcakale caricato con un enorme sacco nero. Anche se la situazione è tranquilla, nei giorni scorsi la tensione tra Turchia e Siria ha raggiunto il suo livello più alto dall’inizio del conflitto nel marzo 2011. L’esercito turco ha risposto con artiglieria quattro giorni ad impatti diversi sul proprio territorio di proiettili lanciato da Siria e il Parlamento ha dato il permesso del governo di inviare truppe in Siria, se necessario.

Parte siriana, tuttavia, gli scontri tra l’esercito ei ribelli si sono intensificati nelle ultime ore nelle province confinanti con la Turchia, in particolare in Idlib, con il risultato di 50 morti, 40 dei quali soldati del regime , ha annunciato Sabato l’Osservatorio siriano per i diritti umani dell’opposizione (OSDH). Attivisti antigovernativi contattati telefonicamente dal Efe agenzia ha sostenuto le operazioni insurrezionali più nella zona, compresa la misurazione del villaggio di Khirbat al Yoz, a soli due chilometri dalla Turchia, e la postazione militare di Al dajra. Dal punto di vista turco, il peggior incidente si è verificato Mercoledì a Akcakale, quando una donna, le sue tre figlie e la sorella morto sul colpo a casa un proiettile sparato dalla Siria. Immediatamente, la Turchia ha bombardato le posizioni in Abyad Tal delle truppe siriane, che hanno dovuto ritirarsi, lasciando il posto di blocco di questa città per il ribelle Esercito siriano gratuito (SLA). Abdulkadir è un Abyad giovane Tal tornare al suo villaggio da Akcakale con tre amici. “Niente pane in Siria,” dice. I quattro ragazzi portano diversi sacchetti pieni di pane e altri alimenti. All’ingresso di Tal Abyad, un piccolo gruppo di soldati sono di stanza ELS all’ombra di un palazzo, di fronte al lato turco del confine, seduti su due sedie e diverse sedie di plastica. Alcuni usura uniforme militare o parte di esso e la maggior parte scarpe sandali. Le uniche armi in vista sono alcuni fucili vecchi e AK-47. Molti dei soldati sono adolescenti. “Non ci aspettavamo la reazione turca, ma è stata una benedizione”, dice il leader del gruppo, Mahmoud El Faris. Grande, con la barba brizzolati e mantenuto, Faris dice di non avere passato militare, ha lavorato nel settore delle costruzioni in Abyad Tal fino a quando non si unì ai ELS, e vanta con orgoglio che suo figlio di 16 anni sta lottando con lui.

La prima relazione forense ora dice che le ossa sono umane

L’esperto ha detto che la polizia scientifica ha erroneamente ritenuto che le ossa sono state trovate nelle Quemadillas animali. Lo scienziato polizia scientifica che ha condotto la descrizione di un caso di due fratelli Ruth e Giuseppe, che li consideravano i resti scheletrici di animali che si trovano in un fuoco acceso dal padre dei figli nella tenuta di Las Quemadillas a Córdoba, ha rettificato questo Venerdì davanti al giudice del processo, come riportato dalla pubblica accusa. L’esperto che ha testimoniato davanti al giudice insieme gli autori delle altre relazioni, tuttavia, indicano che si tratta di ossa umane, ha riconosciuto durante la sua deposizione presso la Corte provinciale di Cordova che era sbagliato a suo parere, secondo la Resto Carrero storia di Maria, l’avvocato della madre dei minori, Ruth Ortiz. Secondo Carrero, l’esperto ha detto in tribunale che “le ossa che erano nel fuoco sono, senza dubbio Nigun, tutti gli esseri umani.” Esperti forensi che hanno analizzato la scheletrici rinvenuti nella brace di un fuoco nella proprietà di The Quemadillas (Córdoba) e potrebbe appartenere alla bambini scomparsi Ruth e Jose, sono apparsi in tribunale questa mattina. Il giudice istruttore del caso, Jose Luis Rodriguez Lainz, sono stati citati il Venerdì per la ratifica o meno le loro relazioni. La relazione investigativa che viene svolta dal perito che ha detto oggi, ha stabilito che i resti erano di animali.

Questo tenace ricerca 11 mesi, impedendo il giudice accusato di duplice omicidio Giuseppe Breton, il padre dei bambini. Fino ad agosto, l’esperto Francisco Etxeberria ha esaminato le prove, su richiesta della famiglia e ha stabilito che i resti erano umani e bambini. Due altri rapporti ha concluso lo stesso. In una recente revisione, l l’esperto scientifico negato il primo risultato e ha anche concluso che erano umani. Accanto al medico legale, sono andati in tribunale e Etxeberria equipaggio misto fra l’Istituto Nazionale di Tossicologia e Scienze Forensi e la Scuola di Medicina Legale della Universidad Complutense de Madrid, che ha concluso che i resti erano ” inequivocabilmente “umano e minori. Da parte sua, il paleontologo José María Bermúdez de Castro, autore del terzo rapporto, testimoniando a Burgos, riferisce Europa Press. Le audizioni si svolgono durante l’esame condotto dall’Istituto di Medicina Legale della Galizia a Santiago de Compostela per cercare di trovare il DNA nei resti scheletrici del fuoco. Tutte le indicazioni sono che sarà molto difficile, se non impossibile, trovare materiale genetico tra le macerie a causa delle temperature molto elevate (oltre 800 gradi) che hanno raggiunto il fuoco avrebbe acceso Breton per i loro figli spariscono.

Il governo spagnolo ottiene il sostegno della riforma finanziaria nazionalisti

A piena tensione con Catalogna e in attesa delle elezioni nel paese basco , il governo di Mariano Rajoy sarà sostenuto al Congresso dei due principali partiti nazionalisti per riformare il sistema finanziario , uno dei requisiti dell’Unione europea , per la prima richiesta di salvataggio da parte della Spagna lo scorso maggio. CiU, che tende la corda in Catalogna e richiede un patto fiscale, voterà a favore del riconoscimento del decreto e del PNV, che si presenta alle elezioni basche con un sovereigntist discorso, astenersi a causa di divergenze con piccoli dettagli del decreto, dopo il il suo vice Peter Azpiazu ha elogiato la legislazione e ha invitato il governo a modificare tali dettagli nel processo parlamentare inizia adesso. Nel frattempo, il resto del gruppo, guidato dal PSOE, si opporrà il decreto oggi alla Camera del Congresso, la prima volta che il principale partito di opposizione voto contro una riforma del sistema finanziario dei cinque che sono stati negli ultimi due anni, tre di Mariano Rajoy e due di José Luis Rodríguez Zapatero. CiU si asterrà nella convalida del decreto di proroga del cosiddetto Piano Preparare permettendo disoccupati di lunga durata, con condizioni difficili, paga 400 € e voterà contro la legge di stabilità che consentirà il recupero delle comunità. Il voto PSOE in tutto non con aspri dibattiti che hanno interpretato il ruolo del ministro dell’Economia, Luis de Guindos, Valeriano Gómez e socialista. Entrambi sono amici comuni e partner, ma si sono scontrati frontalmente sulla riforma del sistema finanziario. Guindos ha chiamato il PSOE a riconsiderare il suo rifiuto di essere commercializzati parti più preferite per i piccoli investitori, al mercato National Securities espandere il suo potere di controllo, tra le altre innovazioni. Il ministro ha offuscato i socialisti non mi piace l’socialisti tedeschi che hanno sostenuto le condizioni di salvataggio. In Spagna tale nota non è mai stata messa ai voti, come ha ricordato il portavoce BNG, Francisco Jorquera. Il ministro ha anche accusato il governo precedente per consentire la Spagna è l’unico paese in cui è stato possibile vendere azioni privilegiate per i piccoli investitori.

Valeriano Gomez ha messo in chiaro che il PSOE ha messo via con il governo di Rajoy e che se un secondo piano di salvataggio, socialisti opporsi in ogni caso. Il destino dei movimenti sociali dipende in larga misura dalla loro capacità di trasformare in politiche concrete. Artur Mas ha scelto di affrontare la sfida di canalizzazione politicamente ciò che egli chiama la transizione nazionale. È una decisione alto rischio. E soprattutto in caso di crisi e la cattiva situazione economica della Catalogna. Si tratta di una scommessa che senza vie di mezzo. O passare alla storia o affonda in un fiasco grande. Ma dobbiamo riconoscere chiarezza. Questo è ciò che in questo momento sembra necessario di tutti gli attori politici. In questo senso, è un peccato il disprezzo di Mariano Rajoy. Chiama clamore per una manifestazione di centinaia di migliaia di persone è un disprezzo che può essere spiegato solo con l’impotenza politica del presidente. E ora che cosa? In democrazia la risposta può essere una sola: la politica e sondaggi. Tutti possono presentare i loro progetti alternativi, non ambigue e con convinzione, e che gli elettori decidono. Stando così le cose, non sarebbe strano che la Catalogna ha votato in primavera. Allora vedremmo l’esatta dimensione del cambiamento di scenario.

La frammentazione della zona euro (2°parte)

I capitoli sono importanti anche per le economie sia la domanda più forte regionale come predefinite. Nonostante i vantaggi derivanti dalla diversificazione del commercio, compreso un maggiore spostamento verso i paesi emergenti, una notevole quantità di loro esportazioni continuano ad essere venduti in Europa. Il crollo di questo mercato si aggiungerebbero alle perdite dovute alla pressione richieste finanziarie delle economie più deboli, incapaci di far fronte ai propri debiti in euro, sia direttamente che tramite la probabile necessità di ricapitalizzare le istituzioni regionali. La ristrutturazione del debito, insolvenza e anche grave, incidere sui bilanci degli istituti di credito, aumentando il proprio debito (come avranno le stesse attività, ma più passivo) e di costi di capitale. E il rating AAA per la Germania e gli altri membri principali della zona euro potrebbe anche essere a rischio. Poi c’è il resto del mondo. L’Europa è ancora l’area di primo piano nel mondo economico, finanziario e più interconnessi. Come tale, il loro disturbo inevitabilmente essere trasmessi al resto del mondo. E l’America ancora lottando per mantenere una crescita ragionevole economica e la creazione di posti di lavoro, recessione globale materializzarsi. Questo spiega perché, naturalmente discorsi politici hanno ripetutamente tentato di respingere una frammentazione della zona euro, è anche la ragione per cui i leader stranieri hanno premuto i loro omologhi europei per affrontare la crisi regionale in un più determinato e completo. Ma le parole e le moral suasion vengono notoriamente tempo sufficiente per fermare le forze di frammentazione, che sono il risultato di difetti di progettazione principali e sono state alimentate da anni di risposte politiche tattico piuttosto che strategico, piuttosto che simultanea consecutiva e parziale piuttosto complesso. Solo se si comprende l’enormità dei rischi che dovranno affrontare ogni possibilità di leader europei superare persistenti tensioni interne e convergono su una risposta potenzialmente in grado di cambiare il gioco. E solo allora sarà in grado di convincere un pubblico scettico della necessità di adottare una misura davvero senza precedenti: in primo luogo per riformare il legame zona euro che lo rende un più coerente, vale a dire più piccoli, meno imperfetta e più saldamente progettato manipolati e, in secondo luogo, per garantire che l’Europa può spostare in avanti di generazione di crescita, così come riformulata e l’occupazione, e la terza, per salvaguardare il funzionamento più ampio dell’Unione europea.

Dopo aver discusso e esitato troppo a lungo, i leader europei non hanno una soluzione chiara, altamente sicura e relativamente libera della crisi regionale. Quello che hanno è un po ‘di tempo, ma non molto, per cercare di difendere l’onore del progetto di integrazione regionale ora passi audaci, a partire da un’unione economica, fiscale e bancario, e il progresso verso l’unione politica. Sì, il risultato è lungi dall’essere garantita, e producono inevitabilmente interruzioni immediate. Ma tutto impallidisce in confronto alla catastrofe che l’Europa e il mondo subirebbe se si continua con un approccio che è insufficiente come precipitato. Germania e Paesi core altri devono decidere se pensano che coraggiosamente zona euro possa sopravvivere e in quale formato. Se la risposta è sì, allora la ricerca di una unione meno imperfetta devono essere accompagnati da un funzionario massiccio finanziamento della periferia, sia fiscale e BCE per facilitare la regolazione dolorosa causata da austerità, riforme e svalutazione interna . Se, invece, ha deciso che né Eurozone fattibile così com’è o un legame che è ottenibile costi minori disordinatamente entro rompere invece di una pausa adesso sono molto più alti. Ciò che non dovrebbe accadere, e non deve accadere è che la zona euro rimane nella sua attuale confusione a metà strada.

Grecia e l’uscita dall’ Euro

Primo Ministro greco, Antonio Samaras, Cercando di convincere i Suoi partner un prorogare di causa Anni Gli Obiettivi di Bilancio fissati per Dai Suoi Creditori. Coalizioni nella diversità paesi lacrima sul Futuro di Atene, TRA CUI Il Primo Ministro Incontrerà la Prossima Settimana Angela Merkel e François Hollande per cercare di sviluppare il piano di austerità. La quiete Che regna nia Mercati dall’inizio di agosto E Semper Più evidente Agli occhi di ONU uragano. E vero Che i Tassi Italiani a Dieci Anni facilitato 6 Punti di base, al 5,84% dal 1 ° agosto e Quelli di Spagna di 40 Punti al 6,38%. Allo Stesso Modo, la Borsa di Parigi brevemente attraversato 3,500 Punti Seduta di Ieri, il Più alto da Tre mesi, mentre il DAX 30 CHIUDE sopra 7.000 Punti. Ma Tutti Questi, Movimenti Sono volume di alcun eseguiti Senza degli Scambi, sembrano Molto Fragili. In particular sul Fronte politico, la situazione continua a peggiorare. Diversi coalizioni al Potere nia paesi della zona Euro e Ora pubblicamente strappare sul Futuro Grecia inside della moneta unica. Prima Finlandia Paese ultimo rating AAA con outlook stabile.


In un’intervista con Il quotidiano Britannico Daily Telegraph, il Ministro degli Esteri Finlandese Erkki Tuomioja ha Confermato Che il Suo Paese Stava lavorando su “business plan” un per affrontare eventuali focolai della moneta unica. “This E Qualcosa Che i Sostenitori Nessuno in Finlandia (…), ma dobbiamo prepararci”, ha Detto, costringendo il Suo compagno di Affari Europei Alexander Stubb, a contraddirlo dicendo Che la Finlandia has been “commesso al 100% in euro.” Facendo eco a Vienna, il Ministro degli Esteri austriaco Michael Spindelegger ha Detto Che l’Europa avra la possibilita di “espellere i paesi dell’Unione Monetaria Che non mantengono i Loro impegni.” Queste parole, implicitamente Rivolto Grecia, Sono stato contraddette Dal Rettore in persona: “Le conseguenze negative di ONU collasso della zona euro, di gran lunga superiore a qualsiasi Beneficio Che potrebbe prendere qualsiasi paese”, ha Detto Werner Faymann. La Germania in epoca Se La Scena di Lotta Più vivace Tra i Quali Merkel svi Navigare. Uno dei leader del Partito del Cancelliere in parlamento, Michael Fuchs (CDU), ha Detto Che “fuori della Grecia sarebbe gestibile” per l’Esposizione delle Banche tedesche Dalla Germania alla Grecia E circa € 17000000000 Composta quasi interamente del Debito Pubblico. ” This aumento della Pressione do Atene non ê banale. Il Governo greco ha annunciato ONU aumento del Suo Debito al 303,5 Miliardi di euro Nel Secondo Trimestre Contro i 280,3 Miliardi di euro Nel Primo di prova con i Suoi partner e per estendere l’idea di causa Anni Gli Obiettivi di Bilancio that have been fissati Dai Suoi Creditori. Il Primo Ministro, Antonio Samaras, dovrebbe evocare una SUA Volta con Angela Merkel e François Hollande SI Incontra alla multa della Prossima Settimana. Certamente SI incontrano la multa di irricevibilità, Per un tempo Più Lungo Comporta Una Nuova Ristrutturazione del Debito wherein alcuni paesi Tra i Più duro della zona euro non Sono disposti a sottoscrivere. Secondo Il quotidiano greco Ekathimerini, i Dirigenti possono, tuttavia, in ONU Primo Momento SI rifiutano di riconsiderare il regime all’inizio dell’autunno, Quando il Vertice Ue di 8 e 9 ottobre, il Che cade DOPO la Relazione attesa troika sui progres effettuate in Grecia.

La diplomazia al servizio dell’economia (2°parte)

Cosa sta facendo la politica di difesa è l’adattamento fiscale. La Spagna ha iniziato un ritiro delle sue missioni all’estero: i 1.100 soldati in Libano è ridotta della metà , alla fine dell’anno e tempi di ritiro dall’Afghanistan (10% nel 2012, il 40% nel 2013 e il resto nel 2014) potrebbero accelerato, secondo Peter Morenes.
Il grande problema è come pagare il conto di quasi 30.000 milioni di euro dei principali programmi di armi. Il compito principale di fronte a lui il ministro degli Interni, Jorge Fernandez Diaz , quando ha assunto la carica è stata la gestione della fine della violenza terroristica. Ma la volontà di adottare misure in relazione ai detenuti dell’ETA si è scontrato con un’altra altrettanto potente, per non suscitare le vittime del terrorismo, che aveva così rovinato il PP, mentre i socialisti al potere. Ciò ha portato ad alcune decisioni erratici che alla fine hanno soddisfatto nessuno. Uno dei più importanti è stato l’annuncio di un piano per il reinserimento dei detenuti (che si è tenuto 1 aprile a cui il ministro stava viaggiando in Lussemburgo), mentre allo stesso tempo, ha sostenuto che il “nuovo piano” proposto una novità.

Era troppo poco per alcuni, il PNV e PSE chiedono altre misure, quali prigionieri approccio al-Euskadi e troppo per le vittime, i quali lamentavano, sentendosi tradito, che il governo acogiera punto per punto i principi che avevano applicato il socialista il percorso Nanclares . Non era solo l’equivoco. Per il momento, nessun detenuto è entrato il piano del ministero, che si limita alla realizzazione di piccoli movimenti quali il raggiungimento di due prigionieri malati o nelle prigioni basche di terzo grado concessione di paroles e detenuti che avevano già ricevuto reintegrazione con l’esecutivo precedente. Il rinnovamento della leadership militare è stata completata il 27 luglio con la nomina dei nuovi vertici della Marina Militare dell’Esercito (Jaime Buj Dominguez), (Jaime Muñoz-Delgado) e l’Air Force (Francisco Javier Garcia- Arnaiz).Gli arresti hanno continuato. Nel 2012 sono stati arrestati 15 presunti membri dell’Eta in Spagna e in altri paesi europei, anche se c’è stata un po ‘di alto profilo errore per annunciare che uno degli arrestati era il capo militare di ETA e che poco dopo il procuratore francese ha detto non vi era alcun elemento di tenere qualcosa. Proteste di piazza da parte i tagli del governo sono stati la preoccupazione principale di un altro ministero che è stato ripetuto fino alla nausea che i mercati non potrebbe avere l’impressione che la situazione sociale era fuori controllo. L’obiettivo era quello di evitare a tutti i costi effettuati in giornali internazionali. Per fare questo, abbiamo stabilito i controlli di polizia molto forti agli eventi della città (cercando, sì, che non si sarebbe ripetuto le scene di manifestanti repressione delle proteste in Valencia febbraio) e hanno annunciato tutti i tipi di riforme giuridiche per indurire in reati del codice penale, del disordine pubblico e aggressione contro l’autorità. Il messaggio era chiaro: ogni segnale di uscita è punibile con la reclusione. Alcuni di questi annunci sono state poi smentite dal ministro della Giustizia, Alberto Ruiz Gallardón .

Tutto il potere ai Draghi

Con te Mario Draghi, l’uomo più potente d’Europa, nelle acque tempestose dei mercati e nella politica continentale del Mar dei Sargassi. Pochi giorni fa a Londra, leggermente arcuato un sopracciglio e mercati correva come conigli. Oggi, a Francoforte , Draghi è stato utilizzato per funzionare con il telecomando le aspettative ognuno dei movimenti più importanti della politica europea nelle prossime settimane. Uno: la Spagna è destinata a completare tutte le riforme imposte dall’Europa e umiliante per chiedere un salvataggio secondo, la richiesta dovrebbe venire già domani se il presidente Mariano Rajoy vuole evitare un superlativo punizione nei mercati, garantendo nel contempo che non sarà di avere eccessive condizioni supplementari.

Due: l’Italia beneficerà di soccorso spagnolo indirettamente, ma molto, molto probabile anche essere costretto a chiedere sulla situazione politica è chiarita. Tre: i partner europei devono rinunciare a queste due giacche (non interventi integrali come Grecia, Portogallo e Irlanda, ma riscatti parziali a causa delle grandi dimensioni di queste due economie), senza ulteriori condizioni troppo onerose in termini politici, con un clima sociale in Spagna sta peggiorando e il rischio di un esecutivo antieuro futuro in Italia. E quattro, se tutto ciò che accade, la Germania e la Bundesbank deve essere impostato ultraortodoxias e lasciare la BCE con le mani-free (cioè, Draghi) per terminare la tensione insopportabile nei mercati, come e quando vuole. In breve, tutto il potere di Draghi, una sorta di Richelieu nuova politica continentale. Il gioco ha un punto di machiavellico. Il presidente della Bce stringe la mano con lo spauracchio di un intervento e lo ha utilizzato per gli investitori per i loro scopi, classificandosi al primo in un attacco di panico sui mercati (che dimostra la potenza delle sue parole, infinitamente più grande di quella di 100 piani definiti) e poi i governi, che ti costringe a fare tutto quello che volete con promesse vaghe, con la consapevolezza che solo lui può controllare la situazione. Con l’altra mano combatte i falchi del suo Consiglio di governo e di Berlino , dimostrando che non per il tempo speso un solo euro e potrà essere rispettata solo se il tubo Uniti verso il basso tutte le sue condizioni. Il potere della BCE è già ben al di là della politica monetaria. E ‘la politica stessa, pura e semplice. Il potere della BCE è già ben al di là della politica monetaria. E ‘la politica stessa, pura e semplice. Il gioco ha un solo problema: ancora basato sulla fallacia chimerico che il taglio ulteriore del Sud a fidarsi di nuovo, per l’economia spagnola helenizándose a tutta velocità, con l’Italia e la Spagna con un piede e mezzo dei mercati , con l’austerità devastando l’economia cosiddetta reale. E ancora giocando con il fuoco dei mercati, che alla fine possono diventare caldo (se si sta già) e causare un incidente. Parlando di incidenti, ci sono quasi tutti i riferimenti per la Grecia nelle ultime settimane. Rajoy ha presentato domani budget biennale nel 2013 e 2014, che era stato commesso, e dovrebbe essere molto più specifico (e quindi hanno molti più problemi a casa) di quanto pensassi.

Trova le migliori offerte bancarie. Informati, leggi, confronta e scegli quella più conveniente.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti: