Crisi economica. Tutti i nostri post che parlano di: Crisi economica

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Crisi economica. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Solvibilità della zona euro ed euro obbligazioni

Non si può negare che la firma il 2 marzo, dai rappresentanti di 25 Stati membri dell’UE, naturalmente quelli della zona euro, il Trattato di stabilità, coordinamento e la governance economica nell’Unione europea è un successo per coloro che avevano impegnati a portare la politica fiscale di austerità al più alto livello: è la clausola di oro, di cui 25 costituzioni europee vietare ai suoi articoli in disavanzo superiore al 0,5% del PIL in tempi normali, o 3 %, in difficile. Come è noto, la Spagna era andato avanti con la proposta del precedente governo che il Partito Popolare d’accordo, e oggi il governo si svilupperà.

Sono stati lasciati fuori, sì, il Regno Unito e Repubblica Ceca, e si adattano più cali nel processo di ratifica del futuro (forse il presidente francese François Hollande, hanno annunciato, con la minaccia di consueto referendum irlandese, ma è noto che con 12 il trattato è il 25 di seguito). Perché, sia chiaro, questo è un trattato inter partes solo internazionale, ma con l’intenzione di unirsi a loro giornata presso l’Unione europea, sulla falsariga degli accordi di Schengen e di Prüm. Hanno chiesto la risoluzione del Parlamento europeo del 17 gennaio, se il trattato è la luce che esplicitamente un impegno di adattarsi e di integrarla nei trattati dell’UE entro cinque anni, i firmatari hanno assunto scopo. Scopo, a mio avviso, degno di scetticismo se il loro contenuto non viene aggiunto, come una spinta economica nella zona euro, che la presente risoluzione identifica come una politica di “solidarietà e una rinnovata crescita”, che a sua volta si riflette in ” la creazione di Eurobond a medio termine “.

L’emissione di tali strumenti pooling del debito sovrano è richiesta quasi unanime degli esperti delle istituzioni comunitarie e della Commissione europea Barroso e internazionale, come il FMI da Christine Lagarde, di quasi tutti i partiti politici come dimostra il voto del Parlamento europeo, e dei suoi membri significati, come ad esempio l’allora Vice Presidente della Commissione per i problemi economici oggi il nostro Ministro degli Esteri, Jose Maria Garcia Margallo.

Le procedure utilizzate oggi dalla BCE agisce in diritto frode palese

Eurobonds sono l’unico modo per gli attacchi da banco che provengono dalla paura o il desiderio speculativo dal creditore, punire il debito degli Stati Uniti nella zona euro. Controreplica non ha funzionato con obsolete Fondo europeo per la stabilità finanziaria (EFSF) e io non penso operare con il meccanismo più grave di stabilità europeo (MEDE), firmato pochi giorni fa la cui attuazione è più avanti di luglio. Per come sospetto poco Citigroup ha detto l’economista, JL Martínez, “l’EFSF un firewall non è realistico, non dalla BCE, è limitata,” quando ciò che si aggiunge, è “di fornire (per la zona euro ) di una quantità quasi illimitata di capitali, in modo che gli investitori contare sulla solidarietà europea “. Inoltre, la messa in comune del debito e garantendo la solvibilità della zona euro sarebbe finita con una situazione giuridicamente insostenibile. A rischio di essere trattati legalistico, non nascondo la mia opinione che le procedure utilizzate oggi dalla Banca centrale europea sostenute per gli scopi in chiara violazione dei trattati.

Fonte http://elpais.com

Il debito greco viene rimosso dalla fine della perdita di 78,5% per gli investitori

Obbligazioni greche detenuto da investitori privati vale il 21,5% di quello che erano, dopo l’accordo di ristrutturazione del debito del paese . Il patto tra la Grecia e gli investitori con cui questi rimosso o accettato una riduzione del 53% del valore nominale delle obbligazioni si tradurrà quindi in perdite effettive di 78,5% per tutte le banche e fondi di investimento che hanno helena quei titoli di debito. Poiché la perdita finale che richiede non solo fornisce teorico 53%, ma calcola il valore effettivo dei titoli ricevuti nello scambio tenendo conto del tempo, tasso di interesse e altri fattori.

Questa perdita finale del 78,5% viene detratto dal risultato dell’asta di assicurazione di default (o credit default swap ), che ha avuto luogo il Lunedi e impostare il valore dei titoli greci al 21,5%, secondo Creditex dati, la piattaforma di commercio elettronico che è responsabile della liquidazione l’asta. Assicuratori dovranno pagare, quindi, 78,5 centesimi per ogni dollaro di obbligazioni greche si sono svolte dagli investitori assicurati, in particolare hedge funds ( fondi speculativi ), a cui si aggiungeranno un pagamento di 2.500 milioni di euro ( 1.887 milioni di euro) in totale accordo, secondo valutazioni di mercato differenti.

L’assicurazione attivata di default per gli investitori che avevano rifiutato tale copertura a decollare del debito su base volontaria e forzata. Il governo di Atene è riuscito a negoziare con le grandi banche internazionali uno sconto del 53% su tutti i debiti helena di proprietà di investitori privati, in totale circa 206.000 milioni di euro attraverso uno scambio di legame che ha sostituito gli altri esistenti. L’accordo con sollievo helena creditori del debito a 100.000 milioni ed è la seconda tappa salvataggio privata del paese. È legata alla iniezione di 130.000 milioni di prestiti da parte dei paesi della zona euro e del Fondo monetario internazionale (FMI), che contribuiscono con 28.000 milioni di euro.

Assicuratori dovranno pagare, quindi, 78,5 centesimi per ogni dollaro di obbligazioni greche sono state tenute da investitori garantiti. La stragrande maggioranza dei creditori privati accettato le perdite, ma gli investitori con un debito pari a 25.000 milioni di euro e sono stati costretti li avrebbe respinti. Grecia potrebbe costringerli girando su un clausole di azione collettiva (CAC), che implica che, se i proprietari di almeno i due terzi del debito soggetto al contratto accetta di rimuoverlo, il resto è forzata.

Tale obbligo è stato ipotizzato che carica di assicurazione default. Gli assicurati non addebiterà il 100% del valore delle obbligazioni e titoli di debito che non sono a valore zero dopo helena ristrutturazione del debito, ma l’asta impostare il valore al 21,5%. International Swaps and Derivatives (ISDA), un’organizzazione di centinaia di gruppi finanziari che definisce le regole in questi derivati è stato determinato che un “evento creditizio” o di default fatto in Grecia, una volta attivato il CAC, che ha portato al recupero dei CDS.

C’è una grande incertezza sugli effetti di raccolta di tale assicurazione sul mercato. In caduta di Lehman Brothers , era il trascinamento di AIG. E l’ex presidente della Banca centrale europea (BCE), Jean-Claude Trichet, teme che l’attivazione delle assicurazioni avrebbe incoraggiato gli speculatori scommesse sul fallimento dei paesi.

Draghi ha detto che il peggio della crisi è passato e richiede un intervento al governo

Il presidente della Banca centrale europea (BCE) ritiene, come affermato in un’intervista pubblicata oggi dal giornale tedesco Bild , che il peggio della crisi dell’euro è finita, anche se ammette che, mentre ci sono ancora alcuni rischi. “Il peggio è passato, ma ci sono ancora rischi”, Draghi ha detto che prima di difendere “la situazione si stabilizza.” Egli ricorda che i dati della zona euro l’inflazione, bilancia delle partite correnti e deficit pubblico in particolare, “sono meglio per esempio in America “.

Secondo Draghi ha insistito, la fiducia degli investitori è tornato e per diverse settimane, la BCE ha dovuto intervenire nuovamente l’acquisto di debito sovrano, un’idea già avanzata dopo l’ultimo consiglio esecutivo della BCE all’inizio di questo mese. “Ora è tempo che i governi, devono garantire che la zona euro è a lungo termine crisi resistente”, ha ribadito. Tuttavia, le sue ottimismo si scontra con la caparbietà del mercato , che nei giorni scorsi ha fatto rivivere dubbi sulla situazione dei paesi sotto sospetto, specialmente contro la Spagna, sembrano dissipare una volta che gli effetti analgesici delle aste di liquidità per milioni di persone bancario.

Inoltre, data la critica che ha ricevuto da parte dell’istituzione, appunto, la Germania e altri paesi della zona euro allineati sulla linea più ortodossa della politica economica, Draghi ha difeso gli interventi della BCE per arginare la crisi, compreso il all’asta extrarordinarias liquidità . “L’autunno scorso la situazione era critica. Potrebbe raggiungere una crisi pericolosa di credito e quindi di fallimenti aziendali che all’improvviso non avevano trovato copertura finanziaria. Era qualcosa che doveva evitare”, ha detto.

Draghi ritiene inoltre che i conferimenti di capitale da parte della BCE non sono un fattore di inflazione, perché la maggior parte delle banche non mettere il denaro in circolazione, ma usato per rimuovere i vecchi obblighi. “Quindi il denaro è quasi neutralizzato rispetto all’inflazione”, ha detto prima di aggiungere che la “operazione non incoraggia l’inflazione”. “E noi osserviamo con molta attenzione se e come il denaro entra nel sistema economico”, ha detto.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Il premio di rischio spagnola ancora una volta superare i 350 punti base

Draghi è difeso contro le critiche della Germania

In ogni caso, garantito che se si aggrava la situazione dei prezzi, che potrebbero verificarsi per continuare l’escalation dei prezzi del petrolio, la BCE “immediatamente” azioni preventive. “Se si consente prezzo del petrolio e dei recenti governi aumento delle tasse diversi sono rimasti stabili (inflazione) del 1,5% per mesi.” Per far fronte all’aumento dei prezzi, la banca centrale ha spazio per i tassi di interesse, che sono al minimo storico dell’1%, anche se il recupero non è solo acquistando forza, potrebbe finire per decantazione la BCE a prendere una decisione nella direzione opposta.

Sulla gamma di opzioni a disposizione del Monetary Authority sul tavolo per mantenere i prezzi sotto controllo (che è la sede principale), il quotidiano britannico Financial Times (link abbonamento) riferisce oggi che sta pensando di ritirare il suo programma di acquistare obbligazioni mutui le banche per un totale di 40.000 milioni. Il provvedimento, in ogni caso è stato superato, proprio a causa delle aste di liquidità e ha fatto poco per adquiriri circa 9.000 milioni di questo debito garantito.

Fonte: http://economia.elpais.com/

Trova le migliori offerte bancarie. Informati, leggi, confronta e scegli quella più conveniente.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia